IMM_01_COP

IMM_01_COP2

 

Progetto: Bollitore da cucina elettrico

Il secondo progetto interdisciplinare del primo anno di Technical Industrial Design TID1 affrontato dagli studenti è stato un primo elettrodomestico di uso quotidiano, cioè un bollitore d’acqua elettrico da cucina. Il tema ha richiesto lo sviluppo di un prodotto in termini formali nella quale potessero emergere aspetti di utilizzo in termini ergonomici e facilità d’impiego. Il tutto mantenendo i principi tecnici attualmente a disposizione e presenti sul mercato nel settore. Il progetto si è svolto in una modalità nuova per i discenti cioè a gruppi di lavoro. Questo aspetto organizzativo è stato senz’altro un elemento fondamentale nel loro percorso progettuale, soprattutto nella capacità di gestire, organizzare e pianificare le attività che si sono dovuti suddividere all’interno del proprio team, riproponendo così una situazione professionale che si può creare normalmente all’interno di una realtà professionale. Gli studenti hanno potuto così conoscersi maggiormente e soprattutto aiutarsi nei momenti di difficoltà in cui si sono trovati. Sono anche emerse situazioni di conflitto e di discussione più o meno accese che hanno condizionato il loro approccio interdisciplinare al progetto ma che di fatto hanno permesso di fare crescere i contenuti progettuali oltre che gli studenti stessi.

Detto questo la classe è stata suddivisa in tre gruppi di quattro persone all’interno del quale ognuno di loro ha dovuto interpretare e capire il proprio ruolo nel contesto di un team di lavoro e senz’altro questo approccio di tipo sociale ha permesso di arricchirsi di un esperienza che sicuramente permetterà loro di essere più consapevoli della professione e delle proprie competenze e con una aumentata autostima utile sia per affrontare l’esame di fine primo anno sia soprattutto per i progetti interdisciplinari del prossimo anno commissionati da clienti esterni.

I progetti proposti hanno portato all’ottenimento di tre prodotti (uno per ciascun gruppo), attraverso fasi di analisi, ricerca, comprensione e allo sviluppo di matematiche 3D. Non solo quindi aspetti estetici formali dovevano apparire evidenti, ma anche e soprattutto quelli di fattibilità di produzione, tecnologia di realizzazione e materiali scelti fossero criteri chiari e tenuti in considerazione.

 

IMM_02_SCHIZZI_GR01

IMM_02_SCHIZZI_GR02

 

Successivamente le fasi di ricerca di mercato, ergonomica e tecnica, la fase creativa è stata senz’altro un momento impegnativo nel processo progettuale in cui gli studenti si sono cimentati. L’aspetto come il “saper osservare il mondo che ci circonda” è stato un fattore fondamentale e attraverso il quale l’intero processo creativo è stato affrontato, prendendo spunto da suggestioni anche apparentemente lontani dalla tematica in questione e liberamente interpretata dagli studenti.

 

IMM_02_MATE_GR01

IMM_02_MATE_GR02

IMM_02_MATE_GR03

 

Procedendo nel processo progettuale si è passati alla realizzazione delle matematiche 3D dell’intero prodotto in tutte le sue parti fondamentali. Si sono tenuti in considerazione non solo gli aspetti estetici e funzionali, ma fosse allo stesso modo “pensato” per una fattibilità produttiva che tenesse conto degli aspetti tecnologici e di materiali scelti per lo sviluppo di un nuovo bollitore.

 

IMM_02_MODE_GR01

IMM_02_MODE_GR02

 

Per verificare e comprendere se il prodotto sviluppato fosse effettivamente pensato secondo i criteri auspicati, i gruppi si sono confrontati nella realizzazione di uno o più modelli statici in scala 1:1 per verificarne il valore estetico espresso e soprattutto se i criteri di utilizzo e usabilità rispecchiasse ciò che avevano ipotizzato. I modelli sono stati realizzati con la tecnica della modellazione del polistirolo espanso per ridurne i tempi di realizzazione.

 

IMM_02_RENDER1_GR01

IMM_02_RENDER2_GR01

IMM_02_RENDER1_GR02

IMM_02_RENDER2_GR02

IMM_02_RENDER1_GR03

IMM_02_RENDER2_GR03

 

Definito il prodotto nelle sue parti si è passati alla fase di sviluppo render (immagini di sintesi 3D), nella quale si sono riprodotti le finiture, i colori e le texture che i gruppi hanno ipotizzato in fase di ricerca.

Sono solo alcune soluzione proposte che permettono quindi di visionare e avere un idea chiara del prodotto finito in tutte le sue parti esterne. Questa fase è necessaria al fine di permettere al cliente di ottenere quelle informazioni utili per capire quali saranno le caratteristiche estetiche del prodotto che andrà poi sviluppato per la sua industrializzazione finale.