Durante i prossimi anni al CSIA verranno introdotti dei momenti in cui si affronteranno le tematiche legate alla sfera socio-affettiva e sessuale e alle dipendenze dai media. Il progetto verrà sviluppato e trattato nella modalità della Peer education. Questa modalità prevede che la realizzazione dei contenuti ed anche la loro divulgazione avvenga tra coetanei.

La SSS_AA partecipa in questo progetto con due indirizzi: Computer animation e Web design.

L’indirizzo Computer animation è stato chiamato a realizzare l’animazione per alcune delle tematiche ritenute fondamentali per il progetto educativo.

Per gli studenti SSS_AA la realizzazione questo lavoro è stato anche tema d’esame di fine formazione.

 

Una delle tematiche principali è la dipendenza dai media. Il progetto educativo tra pari la tratterà trattando e  sensibilizzando sulle differenti sottotematiche: dipendenza da Internet, dai social network, dai videogiochi, ecc..

Il progetto Peer education  CSIA coinvolgerà direttamente classi in AFC. Responsabile e la curatrice dello sviluppo didattico di questo progetto di sede MOC (monte ore cantonale) per la Divisione della Formazione Professionale è la docente Francesca Binda.

 

Gli studenti della SSS_AA hanno dovuto concepire e realizzare per il tema “dipendenza dai media “ un’animazione che non approfondiva tutte le sotto tematiche ma che serva per “rompere il ghiaccio” durante gli incontri educativi sul tema dando spunto e stimolo alla discussione. Un secondo gruppo è stato impegnato nella realizzazione dell’animazione per il tema “prevenzione”.

Dopo la proposta di differenti idee ne è stata scelta e sviluppata una che prende spunto da un fatto di cronaca. Con “eroe del giorno” (titolo dell’animazione) la situazione, riscritta per il filmato, ha voluto trattare e sottolineare il paradosso che oggigiorno diamo più valore nel possedere l’ultimo apparecchio che ci permette di “essere” presenti in rete rendendoci superficiali verso il mondo reale.

Il filmato ha richiesto agli studenti SSS_AA di cimentarsi in tutte le fasi di realizzazioni di un simile lavoro; passando dalle fasi progettuali a quelle realizzative. Dalla scrittura dell’idea sono seguite le fasi di studio dei personaggi e degli ambienti. Prima disegnati e poi realizzati in 3D. I Character sono stati “riggati” e gestiti in modo che potessero interagire tra loro come ad esempio l’automatizzazione del movimento di spostamento della carrozzina da parte della mamma. Fino a completamento con la postproduzione e la sonorizzazione.

Alcune tavole di studio di uno dei character

Cortometraggio realizzato da Fabrizio Bernasconi, Elena Hütter, Letizia Pesce, Arianna Rodoni