Materia: Industrial design 1
Docente: François Croci
Periodo: Primo anno, primo e secondo semestre

La disciplina “Industrial design1” (primo anno) è programmata già nelle prime fasi della formazione di “Technical Industrial Design” e lo svolgimento delle lezioni è pianificato nel primo e secondo semestre dell’indirizzo stesso. Le finalità della materia sono quelle di sensibilizzare il corsista su cosa è il Design e come nasce un prodotto avvicinandolo alle problematiche della progettazione e al modo di affrontarle. La formazione introduce in modo graduale al processo e al metodo creativo del Design con l’intento di sviluppare la creatività del corsista e il suo senso estetico ma anche la capacità e l’attitudine ad affrontare l’atto progettuale attraverso la definizione e l’uso di percorsi logici e analitici che gli daranno modo, più avanti, di accostarsi ad obiettivi complessi di progettazione.

L’obiettivo propedeutico di “Industrial design” è perseguito attraverso l’attuazione di differenti e successive fasi, dapprima basandosi sull’analisi di prodotti esistenti, della loro estetica e funzionalità poi, il corsista verrà accompagnato nella progettazione di prodotti in cui il percorso di gestione della metodica creativa può essere definito “semplice”.

Su queste esercitazioni guidate, lo studente avrà il modo di comprendere elementi base e fondamentali da considerare nel processo di ideazione di un prodotto industriale quali il semiotico, il funzionale, il percettivo, il cromatico, il tecnologico, ecc…

Le competenze acquisite dal corsista nei confronti del Design vanno, sui due semestri, a soddisfare esigenze propedeutiche ai livelli superiori di formazione e corrispondono ad un livello di sensibilizzazione sufficiente per coprire ad esempio quelle necessarie cognizioni “estetiche” atte ad affrontare elaborati esecutivi, tramite i differenti applicativi informatici insegnati, ma in modo che essi siano qualitativi sotto gli aspetti citati.

 

Materia: Metodologia della progettazione

Docente: François Croci

Periodo: Secondo anno, primo semestre

 

“Metodologia della progettazione” è una disciplina programmata al primo semestre di indirizzo. La materia fa parte di un processo formativo i cui contenuti sono più complementari e integrativi che introduttivi alle fasi di insegnamento applicativo legate a obiettivi complessi di progettazione.

Considerare l’attività progettuale come il momento in cui svariate discipline e competenze interagiscono fra loro per confluire nella realizzazione di un prodotto è un atto di presa di coscienza da parte del discente che va guidato. Occorre fargli acquisire le metodologie necessarie per condurre e strutturare il progetto dal briefing iniziale alla fase esecutiva.

Aspetti quali quelli funzionali, formali, ergonomici, tecnici, economici, ecc…sono vincoli insiti in ogni progetto e sono problematiche la cui corretta soluzione può essere attuata in modo efficace solo se individuata nella giusta fase della concezione di un oggetto. La finalità di questa formazione è perciò quella di guidare il corsista nell’apprendimento della metodologia corretta e nella “stesura” di un programma che definisce, in funzione di una precedente fase di analisi, compiti, tempi e costi. La materia non può però essere puramente teorica ed essa, infatti, nello stesso semestre confluirà in “Industrial design 2”.

 

Materia: Industrial design 2
Docente: François Croci
Periodo: Secondo anno, primo semestre

A partire dal primo semestre del secondo anno d’indirizzo la materia “Industrial Design” continuerà nella formazione del corsista affrontando la gestione della metodica creativa di prodotti “complessi” in modo pratico e applicato a “progetti guidati avanzati”. Se in “Industrial design 1” (primo anno) le esercitazioni trattano problematiche in cui l’obiettivo va in direzione di sviluppare la creatività e il senso estetico del corsista qui il fattore “fattibilità industriale” diviene elemento vieppiù importante. Se in pratica nei primi semestri dell’indirizzo il corsista affronta, ad esempio, la progettazione di un “portacandele” è nei semestri conclusivi che egli progetterà un “sistema PC”. In questo caso la complessità articolata del tema coinvolge il corsista nell’attivazione di svariate nozioni assimilate durante la sua formazione e “Industrial design 2” (secondo anno) interagisce in modo sinergico specialmente con le competenze acquisite dal corsista stesso nelle ore dedicate a “Ingegnerizzazione…”.

Nell’ultimo semestre di indirizzo (secondo anno, secondo semestre) la materia si sviluppa anche in funzione del “progetto interdisciplinare d’esame”. In questa fase della materia il docente assiste e guida nell’organizzazione e strutturazione del percorso creativo che porterà il corsista a elaborare l’esame stesso. È qui che il corsista raggiunge la comprensione del “come si progetta” ed è oramai arrivato a gestire l’interazione tra forma e fattibilità richiesta dal sistema produttivo.

Posted in: Technical industrial design